MENU
slider02-aero-club-torino

100 anni di AeroClub… desiderio di volare ancora più in alto!

Alzi la mano chi ha non mai sognato di volare, non un volo commerciale, di lavoro o per vacanza, ma proprio volare alla guida di un aereoplano.

Chi non ha mai pensato alla sensazione di poter stare in aria, sensazione che trasmette leggerezza, libertà  e serenità mentale.

Bene a quattro passi dal centro della città, non in senso figurato, si può esaudire questo desiderio grazie all’Aero Club Torino.

Proprio cosi,  l’Aero Club Torino (AeCTo) esercita, senza fini di lucro, attività sportiva, didattica, turistica e promozionale nei settori del volo a motore (compresa l’acrobazia) del volo a vela, del volo con velivoli ultraleggeri e del volo da diporto o sportivo (VDS).

aliante

E fin qui tutto assolutamente nella norma, ma quanti di noi e voi conoscono la storia di questo aeroporto e dell’Aero Club?

C’è di più: il 10 dicembre 1783, pochi mesi dopo la sua fondazione, i soci dell’Accademia delle Scienze di Torino fecero “a porte chiuse” il primo esperimento aeronautico nella nostra regione. Un pallone aerostatico gonfiato con idrogeno, che si sapeva più leggero dell’aria, si sollevò (senza passeggeri) e trattenuto da una cordicella nel cielo dei giardini di Palazzo Carignano (oggi Piazza Carlo Alberto).

E se non bastasse risale alle ore 19.30 circa del 27 giugno 1908 il primo volo in Piemonte di un mezzo “più pesante dell’aria”.
Lo effettuò il pilota transalpino Ferdinand Leon Delagrange, sulla vecchia piazza d’armi a Torino (ove ora si trova la zona delle ville della Crocetta), con un balzo di ben 250 metri ad un’altezza di circa 4-5 metri, con un velivolo biplano francese.

primovolo

Insomma il Piemonte e Torino in prima linea nella storia del volo privato e questo forse a tanti non è cosi noto.

Così dal 1869 con l’On.ing.gen Carlo Montù, passando da Ugo Sartirana a Francesco Balbis e Giovanni Agnelli, ben 14 tra industriali, esperti di aeronautica, ingegneri, tecnici e appassionati del volo, si sono succeduti come Presidenti di questo prestigioso Club, fino ad arrivare all’attuale Angelo Moriondo in carica dal 2002.

Con Angelo Moriondo continua l’ avventura dell’AeroClub che non si ferma soltanto al mondo del volo, ma che coinvolge la vita dell’AeroClub con eventi apparentemente distanti che hanno lo scopo di avvicinare chiunque al volo e alla conoscenza della struttura.

Fra gli anni sessanta e settanta, sulla pista venivano collaudate le vetture Abarth da competizione. Parte di tale pista esiste ancora oggi, ma non è più utilizzabile dai velivoli.

L’AeroClub diventa teatro di spot, eventi musicali, gli anni 2000 sono stati caratterizzati da un fervore d’iniziative tese sia allo sviluppo dell’attività aeroportuale, intesa come attività di servizio pubblico, che alla promozione e divulgazione del volo in senso lato.

Nel giugno del 2009 si sono svolti sull’aeroporto di Torino-Aeritalia i “World Air Games” (WAG) ovvero l’evento di aviazione sportiva più importante del mondo, che prevede 7 giornate di competizioni per tutte le 10 discipline aeronautiche.

equipaggi

E adesso?  Quest’anno si festeggia il Centenario e scorrendo la storia degli eventi di questo AeroClub e della struttura che lo ospita, sono sicuro che si sta preparando un evento che farà volare ancora più in alto uno dei tanti orgogli di questa città .
IMG_0886
La passione che anima tutti quelli che stanno attorno all’AeroClub dovrebbe essere il minimo per stimolare la curiosità anche fosse soltanto per una semplice visita ed un caffè o un aperitivo vista pista .
Ed in più perchè non lasciarsi coinvolgere nella possibilità di fare delle escursioni molto suggestive con i piloti  dell’AeroClub per ammirare la città e non solo da un punto di vista diverso. Diciamo soltanto che dopo il decollo si arriva ad ammirare la Sacra di SanMichele dominandola dall’alto e per il resto lascio a voi la voglia di una esperienza unica.
panoramadecollo
Volare si può e non soltanto nei sogni…

 

Scritto da

Pubblicato il: 26 February 2016

Categoria: Scoperte

Letture: 4231

, ,

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>