MENU

Scoperte
Category

Superga

Una bella gita a Superga

 

Superga

Scena 1Interno auto

Mamma, che cos’è quella?’

Quella, tesoro, è la Basilica di Superga

?

Poi una domenica ci andiamo. E prendiamo anche la Dentiera

?????

Vedrai…’

Scena 2Premessa

Lo ammetto. Per noi che viviamo nella provincia a Nord di Torino Superga è più Torino di molte altre parti della città. Superga è lì, ce l’hai sempre di fronte, sopra la testa. Dovunque ti giri, Superga c’è.

E quando si inizia a sentire profumo di primavera, i torinesi escono dalle tane e… Non è proprio così, certo. Ma la gita a Superga è imperdibile per chi a Torino viene per turismo così come per chi a Torino vive.

Scena 3Pronti? Via

Un momento, un momento! Ma, si chiederanno i lettori non torinesi, che cos’è Superga? Dunque, Superga è una collina, ma anche una chiesa. Una basilica, per la precisione, fatta costruire da Vittorio Amedeo II di Savoia nel 1717 per soddisfare un voto fatto davanti alla statua della Madonna delle Grazie in un momento difficile per il regno sabaudo. Nel 1706 Torino era assediata dalle truppe francesi. Luigi XIV, sì, lui, il Re Sole, voleva trasformare il Piemonte in una provincia francese, ma trovò una ferrea resistenza da parte del duca Vittorio Amedeo II. La storia narra che il 2 settembre del 1706 il Duca salì sul colle di Superga per esaminare, da quell’altura, il campo di battaglia e lì fece un voto alla Madonna. La statua era collocata “Sub Pergola”, ci ha raccontato Giuseppe, la nostra guida alla scoperta del Regno, e da lì il nome del colle e della Basilica.

Sì, mamma, partiamo?

Partiamo.

Scena 4 - La Dentiera

Superga 5

Dunque, su questa collina tanto amata dai torinesi per tutta una serie di motivi (oltre alla Basilica e al panorama, sul colle di Superga è presente in ricordo del Grande Torino, la squadra capitanata da Valentino Mazzola che proprio contro questa collina andò a morire, in un terribile incidente aereo) si può arrivare in vari modi, in auto, in moto, qualche eroe ci si arrampica anche in bici.

Ma la vera ‘gita’ a Superga si fa con la ‘Dentiera‘. Che è un tram. Un tram a cremagliera che sale dal quartiere di Sassi fino in cima al colle. Sale piano, la Dentiera. Ti dà il tempo di ammirare i vagoni e le motrici, degli anni Trenta, perfettamente conservati e funzionali, le stazioni di Sassi e poi quella di Superga, tanto in stile Bella Epoque, con le volute di ferro battuto e i divanetti in velluto in sala d’attesa, e il panorama di Torino, che pian piano si allontana da sotto i tuoi piedi.

Scena 5 - ‘Ma quanto è grande?

Superga 8

A vederla dal basso uno non lo pensa, ma la Basilica al primo sguardo colpisce come un maglio. È davvero gigantesca. Ed è, come tutte le opere di Juvarra, una meraviglia nelle proporzioni e nella dolcezza delle curve. Passati sotto il pronao e visitata la Basilica, dopo aver reso omaggio al Grande Toro (che bisogna farlo perché bisogna farlo), decidiamo di andare a visitare le tombe reali. Perché Superga, oltre a tutto il resto, è anche, se così si può dire, la tomba di famiglia dei Savoia.

Scena 6 - Il fantasma del grissino

La visita alle tombe è guidata. E lì, abbiamo avuto una gran fortuna. A far da cicerone nei sotterranei della Basilica, dove riposa anche, fra gli altri, Carlo Alberto, è Giuseppe, che non solo ci ha raccontato dei marmi e delle opere d’arte, ma è stato capace di far rivivere le teste coronate, con le loro particolarità, i loro vizi e le loro virtù.

Fra tutti, spicca il costruttore della Basilica: quel Vittorio Amedeo che da bambino non digeriva la mollica del pane. Il padre, allora, chiese al panettiere di corte di inventare un pane senza mollica: ecco nascere il grissino. Vittorio Amedeo, poi, ebbe una morte non particolarmente felice e alcuni dicono che si possa ancora incontrare il suo fantasma, che gira con un grissino in mano.

Resta il tempo per un gelato, per guardare un’ultima volta il panorama mentre viene sera (“Hai visto com’è piccola di qui la Mole?“) e di risalire sulla Dentiera per tornare giù, e per mettere in cornice una bella gita di quelle che si fanno a Torino.

Read More
IMG_8013-2

Vanchiglia: 9,63 km quadrati di storia e storie.

11 March 2015 • Percorsi, Scoperte • Views: 5144

Dal 1995 vivo in uno dei quartieri storici di Torino che in piemontese viene chiamato Borgh Vanchjia e meno male che bisogna solo scriverlo e non leggerlo altrimenti per me siculo sarebbe una tragedia . Appartiene al quartiere anche la zona detta Vanchiglietta, urbanizzata di recente ma non per

Porta Palazzo

Va dove ti Porta…Palazzo

4 March 2015 • Percorsi, Scoperte • Views: 6364

Porta Palazzo è il mio quartiere, anche se da poco. Lo è diventato perché lì posso trovare tutto quello che voglio: se mi serve un mobile, al Balon lo trovo, se mi serve un cavolfiore, al mercato dei contadini trovo il più buono, se mi serve l’ingrediente più raro del mondo, state

chiesa

POZZO STRADA: passeggiata di una torinese che ama il suo quartiere

24 February 2015 • Percorsi, Scoperte • Views: 6073

Pozzo Strada è il mio quartiere da quando avevo 11 anni e direi che sento di farne parte in tutto e per tutto. Andiamo a fare una passeggiata fino al Mercato Brunelleschi per scoprire qualche curiosità, vi va? Si scende nella via di casa mia Via Sagra San Michele e non “Sacra”: eh, sì,

Maria Adiana Prolo mentre smonta un mondo niovo in occasione della mostra allestita alla Cinémathèque Francaise, Parigi 1954

Maria Adriana Prolo: #lamiatorino per Just The Woman I am

20 February 2015 • Percorsi, Scoperte • Views: 4395

Non molti sanno che il Museo Nazionale del Cinema nasce dall’intuizione di una donna forte d’animo e di spirito indipendente, che l’8 giugno 1941 annota su una piccola agenda “pensato il museo”, tre semplici parole che cambieranno la storia della Settima Arte in Italia. Nata nel 1908 a

CaramellaGianduja2

Caramella Gianduja, il lato dolce del Carnevale

18 February 2015 • Assaggi, Scoperte • Views: 6299

La più celebre maschera piemontese deve il suo nome alla travagliate vicende di due burattinai torinesi, Battista Sales e Gioacchino Bellone, che nel primo Ottocento vagano tra piazzette e teatrini piemontesi e liguri portando in scena due arguti burattini: Gironi, il marito, e Giacometta, la

Timbro

Antica Passamaneria Massia, fili reali ne #lamiatorino

10 February 2015 • Persone, Scoperte • Views: 6337

Fili che collegano, fili che si intersecano, fili che uniscono presente e passato, fili di una famiglia che i fili li lavora e li trasforma in opere di alto artigianato. Nella Contrada Guardinfanti , in Via Barbaroux 20, è impossibile non notare la vetrina della Passamaneria Massia.   Un

antica insegna Al Bicerin

AL BICERIN, COLAZIONE PER SIGNORE: #lamiatorino per Just The Woman I am

6 February 2015 • Assaggi, Scoperte • Views: 11774

Abbandonare il chiasso indaffarato di via Garibaldi per perdersi nel dedalo di viuzze del quadrilatero, addentrarsi in via Sant’ Agostino o in una delle altre piccole vie pavimentate in pietra, assaporare quel silenzio, immergendosi nell’atmosfera di una Torino d’altri tempi. Immergersi va

Aperitivo

La Torino dei ventenni

4 February 2015 • Scoperte • Views: 4161

Cosa si fa, a Torino, quando si hanno vent’anni? Quando si affitta un appartamento in tre o quattro, si studia, si lavoricchia e poi… Ho ficcato il naso per #lamiatorino nel mondo dei ventenni torinesi. E questa è, in presa diretta, la movida nella pancia di Torino. Con qualche indirizzo

bandera3

IL RICAMO DEL RE: #lamiatorino per Just The Woman I am

30 January 2015 • Scoperte • Views: 14718

C’è una Torino segreta e nascosta che si tiene lontana dalle luci della ribalta. C’è una Torino che corre su un filo sottile, su intrecci misteriosi e arcani. No. Non è quella Torino lì. Vi ho visti, che credete, lì a pensare a magie e angoli stregati. Ecco. Non è quello il filo