MENU
Mole

Donne de #lamiatorino: quando la passione diventa lavoro

La redazione de #lamiatorino, anche quest’anno, con grande piacere partecipa con le sue donne all’evento di #justthewomaniam #ognidonnavale, la maratona dedicata alle donne a sostegno della ricerca universitaria sul cancro! Contribuiremo raccontando l’anima più femminile della nostra meravigliosa città e non mancheremo all’appuntamento di domenica 6 marzo. Intanto seguite il progetto su www.torinodonna.it

Un grazie a Marcela Senise per aver scitto il primo post! Questo il suo racconto.

#lamiatorino, si sa, fu da sempre una città industriale, di macchine, di architetti, di ingegneri. Insomma, un po’ maschile. Le cose sono molto cambiate, soprattutto da 15 anni a questa parte. La città diventò meno industriale e prese l’immagine più design. Il Politecnico ha formato tante dottoresse. Sia nell’architettura, sia nell’ingegneria. Non è detto che tutte abbiano seguito la strada della professione universitaria.

Sta di fatto che #lamiatorino si sta trasformando, e sempre di più, con una marcia al femminile.

Io sono arrivata qui nel marzo 2006, subito dopo la chiusura delle Olimpiadi Invernali. Evento che ha radicalmente cambiato questa città, in meglio.

Dieci anni dopo sono tante le donne professionali e anche indipendenti. Pasticciere, giornaliste che hanno trasformato le loro passioni in lavoro; abbiamo persino Cenerentola che cucina con tanto amore per i residenti e non solo di corso Casale. Senza dimenticare le donne che sanno mantenere viva la loro cultura migrante.

Sto semplicemente citando alcuni esempi, che vi racconterò meglio una ad una, di grandi donne che lavorano e fanno lavorare una città, ognuno a modo suo, in ambiti diversi.

Elena Bosca, pasticciere e moglie di Michele (attenzione perché stiamo scoprendo un suo nuovo talento, quella da comica e attrice!). Nella vita, regna dentro il suo laboratorio dove, insieme alla sua fedele assistente Elena, creano delle meraviglie. Il profumo delle sue bontà specchiano la sua generosità. Il rosso dei capelli sono come la vivacità della sua personalità. E il colore rosa del suo regno, Dear Wendy, rappresenta quella eterna bimba che gironzolava il laboratorio di suo papà. Segui su @DearWendySweets

Francesca Angeleri, giornalista indipendente, moglie di Luca e mamma di Leone. Donna dal carattere molto forte e di una delicatezza delineata sul viso che ti spiazza quando ti sorride. Scrive con la stessa intensità del suo carattere. Quando ti parla ti illumina l’umore. Ed è ormai innamorata di Leone, soprattutto quando ha il cappuccio. Segui su @fraangeleri

Francesca Mutti, proprietaria del Bau Loft, mamma della pelosa Ginevra, nonché la preside, e compagna di Matteo. Come racconta lei stessa, da una esigenza che aveva per la sua vita lavorativa, ha deciso di mollare tutto e creare uno spazio dove poteva soddisfare tale esigenza, che alla fine, si era capito essere di tantissime altre persone nella città di Torino. Così nacque il Bau Loft, l’asilo per i cani. Sempre di buon umore, circondata dalla sua più grande passione: i cani. Dedica tutto il suo tempo a far sì che i servizi offerti siano alla perfezione, con uno staff (quasi tutto femminile!) curatissimo, spazio pulito come i pavimenti dei palazzi reali e sempre in ricerca di poter offrire di più e meglio. Una giovanissima ragazza, un esempio da seguire. Segui su @fra_mut_

Cenerentola (all’anagrafe è registrata come Sara Carenzi). Alla mia domanda, se si definisce come chef, cuoca o semplicemente Cenerentola (sapevo già la risposta!) mi rispose Cenerentola. Cucina per amore, vive fra la sua cucina delle fiabe e la campagna. Adora i suoi amici e la sua compagna Elisa. Recentemente ha fatto partnership con Biancaneve (all’anagrafe è registrata come Norma Evi Magagna) perché il mondo delle fiabe è sempre più bello se hai tutte le principesse insieme. E per di più quando si mettono a cucinare… è la fortuna di tutti. Almeno per noi torinesi, di nascita o adozione, che possiamo mangiare i loro ben di dio! Segui suinstagram.com/cenerentola_pret_a_manger/

Angela Comandé, proprietaria di Zabbara | eccellenze siciliane e moglie di Marco. Palermitana di nascita, immigrata a Torino insieme ai suoi genitori quando era piccola. Dopo l’università, tra mille lavori, non soddisfacenti, decise di “andare sola” e con l’aiuto del suo marito architetto, crearono Zabbara. Un negozio dove puoi trovare il meglio che la Sicilia ti può offrire. Vino, ceramiche lavorate a mano, pietanze secche (di fresco ha solo un selezione esclusiva di pasticceria) fra i vari prodotti, si è sempre certo di uscire felice con gli acquisti. Segui suinstagram.com/angelacom74/

Ho scelto di raccontarvi queste donne perché ho l’onore di conoscerle e vedere quanto siano vere e quanto si impegnino tutti i giorni. La battaglia dei forti. Con la testa alta, difendendo e conquistando sempre di più il loro spazio. Nel loro lavoro, nell’essere madre, compagna, moglie, assistente, socia. Non importa. Quel che vale è la complicità che loro hanno con il mondo che le circonda.

Leggere un pezzo ben scritto, al giorno d’oggi, è sempre più raro. Avere qualcuno che prende cura delle tue anime pelose è un bene prezioso. Poter mangiare del buono, genuino cibo, preparato con tutto l’amore che solo certe mani possono permettersi di fare… io dico… amen. Essere fiera di mantenere vivo ciò che fa parte di te. Le tue origini. Ma soprattutto, dedicarsi a scegliere con tanta cura, i prodotti, che meglio rappresentano questo luogo di origine.

In tempi recenti dove avere un lavoro fisso è una “mission impossible”, loro si sono costruite, alcune ricostruite “da sole” diventando imprenditrici di se stesse! Chapeau!

Su una nota privata, vorrei aggiungere altre 4 donne molto speciali. Sono le mie fate madrine su di un progetto al quale lavoro oramai da 3 anni. Un GRAZIE immenso va anche a voi per essere delle guerriere che dedicate la vostra vita lavorativa a fare il bene.

Torino merita di avere queste donne che, con la loro passione, determinazione ed entusiasmo, riescono a “strappare” un sorriso a tanta gente. E ovviamente ci sono migliaia di altre, come loro, che rendono la vita più speciale, in qualche modo, ad altre persone.

Tutto questo rende Torino, #lamiatorino, più femminile.

Immagine

 

#lamiatorino is renowned for being an industrial city that built cars. Capital of study for architects and engineers wannabe.A very boyish city more like it.Things however have changed so much in the past 15 years. Turin is less industrial. It has became the capital of design. Politecnico Uni has graduated many young ladies. Both architects and engineers. Not sure most of them did follow such path thou.

Having said so, it is pretty great to see how #lamiatorino is getting more and more of that girlie touch.

I’ve arrived here back in 2006, straight after the closing cerimony of Winter Olympic Games. A turning point event for this city. 10 years on and we have lots of independet professional ladies around. Bakery chefs, journalists, people that talented transformed passion into a profession. We even have Cenerentola (Cinderela in italian) cooking with so much love for all residents, and non, of Corso Casale neighborhood. Let’s not forget those women that keep their migrant origins alive.

This is just a brief introduction with example of great women that work and make this city work, each one their own way, in different sectors.

Elena Bosca, bakery chef (cake designer in modern terms) and married to Martino. (Stay tuned as we seem to be discovering a new talent, she seems to be a good comedian and actress!) In real life she is the queen in her Bakery shop, with her faithful assistant Elena, where together they create wonders. The smell reflects her generosity. Her red hair are just like her vivaciuos personality. And the pink color of her kingdom, Dear Wendy, clearly represents that little girl that played around her dad’s bakery. Follow @DearWendySweets

Francesca Angeleri, indipendent journalist, married to Luca and Leone’s mamma. A lady with a very strong character and a face so delicate that when she smiles it feels like the world is smilling at you. She writes with the same intensity of her mind and heart. When she speaks to you, good mood is right back on. She is totally madly in love with Leone, specially when he is wearing his hoodies. Follow @fraangeleri

Francesca Mutti, owner of Bau Loft, furry mother to Ginevra, Bauloft’s headmistress and Matteo’s girlfriend. Like she tells you the story, she made a profession out of a necessity she had while working 9to5. Turns out it wasn’t just hers. That’s how Bau Loft came to life. The first kindergarten for dogs in Turin. She is always in a good mood and surrounded by dogs. Her dedication to make this place, the best place for dogs in town, is beyond perfection. With a great staff (mostly girls!), impecably clean and always researching to improve the service she offers. She is young and certainly an example to be followed. Follow @fra_mut_

Cenerentola (Sara Carenzi on her birth certificate). When I asked if she considered herself a chef, a cook or simply Cenerentola (I already knew the answer anyway!) she said Cenerentola. She cooks, primarily, for the sake of love. Her life is shared between her fairy tale kitchen and her countryside home. She loves her friends and her girlfriend Elisa. Recentely, she became partner with Biancaneve (Snow White in italian and Norma Evi Magagna on her birth certificate). Can you imagine having princesses cooking together? How lucky are we, Turin people “born and bread” or by adoption (like me!) to have women/princesses cooking all those amazing fairy food!? Follow instagram.com/cenerentola_pret_a_manger/

Angela Comandé, owner of Zabbara | eccellenze siciliane store and married to Marco. Born in Palermo, she came to Turin with her parents and sister when they were little girls. After University and many failed and unsatisfacted jobs, she decided to “go solo” and with the help of her hubby Marco, an architect, she opened Zabbara. A store where you can find only the best from Sicily. Wine, ceramics hand made, special selection of dry food and some fresh pastries are just some of products you can she handly picked at each trip she dedicates when getting new stock. You are assured to leave the store happy. Followinstagram.com/angelacom74/

I’ve chosen these 5 women to tell their stories as I proudly can say to know them and tell you how much they are for real! How much they fight each single day. Fierceful. Heads up. Defending and conquering their own space. No matter where. At work, being a mom, wives, girlfriends, assistants, partners. What matters is their complicity within the world that surround them.

It is a rare pleasure to be able to read a great piece these days. To be able to leave your pets in trustable and caring hands is priceless. To be able to eat genuine and good food, cooked by very precious hands.I’ll say…it’s a bless!

To be proud of who you are. Your origins. and dedicate your time with all care and love to represent such place of origin. Magical.

Having a “proper” job nowadays is simply “mission impossible” but these 5 women have managed to transform, recreate themselves into independent professionals. With outstanding merit to each one of them.

On a private note, I would like to add another 4 very special women. They are my fairy godmothers in a project I have been working with them for the past 3 years. A huge THANK YOU goes to you all, amazing fighters, who dedicate your working life to do good within.

Turin deserves to have these women who keep the city running and making many people happy. No doubt, just like them, there are thousands more out there making other people’s life special somehow.

That what makes Turin, #lamiatorino more femminine.

Scritto da

Pubblicato il: 11 January 2016

Categoria: English posts, Persone

Letture: 1584

, , ,

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>