MENU
1005544_698881176834876_189287915_n

Holi Fusion Festival: Torino è multicolor!

Leggenda vuole che Torino sia una città magica, ma soprattutto, una città grigia… chi la vive quotidianamente, tuttavia, sa perfettamente che si tratta di una leggenda metropolitana ormai sbiadita…perché Torino non è mai stata né cinerea né occulta, anzi… la città sabauda è, ed è sempre stata, una metropoli multicolor… una città colorata che si appresta a divenire coloratissima: il prossimo 12 luglio, Torino sarà una delle location, assieme a Eindhoven e Vilnius, dell’“Holi Fusion Festival”, il Festival estivo dei colori.

1972311_725388914184102_1023639270100176681_n

La “The color run Torino”, la maratona “a colori” di 5 km che lo scorso 10 maggio ha visto la partecipazione di circa diecimila persone, altro non era che un assaggio di quello che sarebbe accaduto appena un mese dopo, ovvero una gigantesca festa imperniata sul colore, nel corso della quale farsi imbrattare di pigmenti- rigorosamente al ritmo di musica- dalla testa ai piedi sino a divenire un “arcobaleno” vivente.

La pagina Facebook dell’evento vanta già più di 20.000 like, e a breve prenderà il via l’apertura dei biglietti. Sul sito dell’evento (ove sono reperibili sia il programma che la line up), l’Holi viene presentato come una festa che realizza un’armonica “fusione di culture, musiche, danza, persone e colori”, insinuando il sospetto che si tratti di una delle tante feste danzerecce e commerciali che animano l’afosa estate cittadina, quando, invece, prende spunto dall’assai noto Holi Festival indiano.

 

In India, come del resto in altri paesi in cui la presenza induista è forte, ogni anno, generalmente nel mese di marzo, viene celebrato l’Holi, meglio conosciuto come “Festa dei colori”: la festività indù segna l’inizio della primavera, la stagione fertile, e celebra la sconfitta del Bene sul Male, rappresentata attraverso l’accensione di un falò (il termine “Holi” significa “brucia”).

L’apice della celebrazione viene raggiunto con il rito delle “gulal”, consistente in una vera e propria “battaglia dei colori” che viene combattuta da persone di tutte le età e di tutte le caste a suon di secchiate di polveri colorate ricavate dai fiori essiccati, il tutto in un tripudio di balli, canti e scherzi.

L’usanza di gettarsi addosso i colori ha origine nella leggenda che narra dell’amore fra Krishna e Radha, un amore turbato dalla gelosia di Krishna per la bellezza della sua amata, che lo spinse a dipingerle il volto per renderlo maggiormente simile al suo.

1011610_690195424370118_564427644_n

Divertimento, amore, gioia, speranza e vitalità sono le parole d’ordine del Festival dei colori, che per l’India rappresenta uno dei pochi momenti in cui la popolazione si riunisce dimenticando le differenze, col solo intento di trascorrere una giornata colma di gioia e serenità.

Una festività permeata di “spirito positivo”, spirito che gli organizzatori dell’ Holi Fusion si augurano di riuscire a “trasportare” nelle edizioni europee del Festival, affinché chi vi prenderà parte, possa farlo nella piena consapevolezza di quello che il medesimo rappresenta realmente, ovvero una celebrazione della bellezza della vita e della gioia di vivere.

L’appuntamento per i desiderosi di lasciarsi andare a un giorno di sano divertimento, è sabato 12 luglio presso il Parco Dora (informazioni e costi sul sito): si raccomandano abiti bianchi, occhiali da sole e tanta voglia di rallegrarsi. E di imbrattarsi. Buon Holi a tutti!

Articolo scritto da Dalila Giglio

 “Nata sotto il segno dei pesci”: “un segno, un destino”, oltre che una famosa canzone.

Sensibile, spirituale, in perenne oscillazione tra razionalità e irrazionalità come solo i nativi dei pesci sanno essere, scrivo perché non so non scrivere, perché ne ho bisogno, perché scrivere, come del resto ballare e camminare, per me è un po’ come respirare.

Di Torino, di cui amo raccontare gli eventi e le peculiarità, non sono certa che saprei fare a meno, e il perché non lo so spiegare; forse è solo perché Torino è un po’ come Napoli, una città di quelle che “non potete capire, non capirete mai”.

Articolo Precedente:
Articolo Successivo:

Scritto da

Pubblicato il: 9 June 2014

Categoria: Eventi, GuestPost

Letture: 7851

, , , ,

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>